Lo scopo della vita - 2° parte

Thumbnail

Leggi la prima parte dell'articolo qui

        Il nostro pianeta Terra fa parte di un sistema cosmico complesso ed infinitamente grande. L'universo osservabile è infinito verso ogni direzione. Allo stesso modo il percorso della vita potrebbe andare all'infinito verso qualsiasi direzione. Quindi è molto importante conoscere bene il nostro scopo di vita e mirare a stabilire la direzione del giusto viaggio. È anche importante avere uno scopo preciso per la nostra Sadhana (pratica spirituale), in quanto la meditazione senza la guida del Guru, e senza la giusta intenzione, possono permettere alla mente di andare alla deriva infinitamente più profonda. Il chiaro scopo della vita e lo scopo nel nostro percorso spirituale ci aiuteranno a rimanere concentrati e focalizzati, e ad andare nella giusta direzione.

Tutti gli scopi di vita possono essere classificati in quattro Purushartas:

1. Kaama - appagamento del piacere sensoriale

2. Aartha - sopravvivenza, sicurezza e stabilità

3. Dharma - (proprio) dovere e giustizia

4. Moksha - autorealizzazione e liberazione.

Ognuno ha il proprio scopo di vita e rientrerà in queste quattro categorie. Noi lentamente evolviamo i nostri obiettivi e propositi nella vita, in base alle conseguenze del nostro passato, Karma. Lo scopo ultimo di quasi tutti i percorsi spirituali, è raggiungere Moksha, la liberazione. Tuttavia diverse scuole di pensiero hanno prescritto diversi modi e metodi per raggiungere lo stato di liberazione - Moksha.

         Secondo gli insegnamenti del nostro Guru, Paramahamsa Vishwananda sotto l'antico ligniaggio dello Sri Sampradaya, seguiamo il sentiero della Bhakti Yoga, che si traduce nel movimento e comunità Bhakti Marga. Marga significa sentiero, percorso, via, cammino, e Bhakti significa Amore e Devozione verso Dio. È attraverso la Bhakti e la completa resa che possiamo ottenere Moksha, liberazione, che è intesa al 'raggiungere i piedi di Loto di Dio e per servirLo eternamente.'

        Quando cerchiamo d'imparare e di comprendere il nostro scopo della vita, è spesso logico porre la domanda al contrario. Ovvero: qual è lo scopo dietro l'intera esistenza? Dio è la fonte dell'intera esistenza, senza alcuna limitazione esterna. Egli è nella pienezza, Egli è l'Uno nella completezza. Allora perché ci ha creati? Recentemente ho assistito ad un'interessante video/lezione della Bhakti Marga Academy - Lezione sulla Shristhi (Creazione) di Swami Revatikanta, discepolo diretto di Paramahamsa Vishwananda. In questo video Swami Revatikanta affronta egregiamente questa domanda.                        Egli cita un versetto molto interessante, che segue, tratto dal Rig Veda:

Chi sa veramente e chi può rispondere,

Come è nata la Creazione, quando o dove;

Persino gli dei arrivarono dopo il giorno della creazione.

Chi lo sa davvero, chi può veramente dire,

Quando e come è iniziata la Creazione?

Lo ha fatto? O non l'ha fatto?

Solo Lui, lassù, sa, forse;

o forse, nemmeno lui.

Rig Veda 10.129.1-7

 

         Il Rig Veda è il testo più antico tra tutti i Veda nel Sanathana Dharma. Ogni verso ci fa riflettere e deve essere contemplato. Comprendere la ragione di questa esistenza è come tentare di leggere la mente di Dio durante il momento della Creazione. Quindi, i versetti qui sopra ci umiliano, poiché la nostra mente limitata non può comprendere il Dio illimitato e la Sua esistenza. Per questo abbiamo bisogno di trascendere la mente. Tuttavia, nel corso della storia innumerevoli Acharya, i Guru hanno spiegato questa domanda attraverso l'espansione dell'ideologia divina detti Leela (racconti, storie e vissuti delle diverse incarnazioni divine). Mentre ci focalizziamo sugli insegnamenti del nostro amato Guru, Paramahamsa Viswananda ha chiaramente spiegato che lo scopo di questa Creazione è di sperimentare la relazione di Prem; ovvero per sperimentare la relazione dell'amore divino incondizionato. Questa è la principale ragione data da molti Acharya incluso il nostro Acharya di riferimento, Paramahamsa Vishwananda.

        Poiché Dio è l'unico Essere, Egli è il solo Uno, Supremo, Egli diventò molti per sperimentare la relazione d'Amore con la Sua stessa Creazione, con Se Stesso. Tutto l'Atma, tutte le Anime  (anima/sostanza spirituale) e le sostanze materiali (materia) in questa esistenza, sono parte di Dio Stesso. Sia Dio che la sua Creazione sono interconnessi ed intrecciati. Così è l'interconnessione tra lo scopo della Creazione e lo scopo della vita di ogni singolo individuo. Lo scopo della vita è lo scopo dietro la creazione stessa; ovvero è sperimentare la relazione dell'Amore. Il Proposito di Dio è sperimentare l'Amore con la sua Creazione, parte di Se Stesso. Diversamente il nostro scopo è di sperimentare la relazione d'Amore con Dio, di cui noi siamo parte.

        Anche se durante l'infanzia sono cresciuto con gli insegnamenti della Bhakti Yoga, quando andai all'Università, iniziai a mettere in discussione Dio e la religione. Pregare e cantare i mantra non diventava più la mia priorità. Credevo che lo studio ed il duro lavoro solamente, mi potessero aiutare a laurearmi; non la preghiera. Durante le discussioni con i miei amici, mettemmo in discussione le cerimonie rituali. Ci siamo chiesti perché il cibo veniva offerto al fuoco, invece di essere distribuito ai poveri. La nostra giovane mente entusiasta sollevò interrogativi sulla fame, cambiamenti climatici, razzismo, disuguaglianza, mancanza di privilegi educativi per i bisognosi, sofferenza, compresa la guerra ed il terrorismo, che sono per lo più provocati da motivazioni religiose. Abbiamo spesso cercato soluzioni e convenuto che lo scopo della vita è quello di aiutare a risolvere i problemi della nostra comunità e del pianeta Terra. In quel tempo, Aartha e Dharma erano il nostro scopo di vita.

        Ricordo molto chiaramente che era la fine del 2009, quando stavamo assistendo con impazienza ad un film intitolato '2012' - riguardo alla fine del mondo, basato su una profezia del Calendario Maya. Il film fu diretto in modo tale che la catastrofe della prevista fine del mondo, iniziò a sferzare la famosa statua di Gesù Cristo sulla cima del Monte Corcovado, a Rio de Janeiro, Brasile, seguita da altri importanti luoghi religiosi. Ero curioso di sapere se il regista stesse cercando di allontanare o far decadere Dio e la religione come un messaggio subliminale.

       È stato durante questo periodo che ho deciso di studiare tutte le principali religioni del mondo per capire cos'è, chi è Dio. Ho iniziato a meditare ogni giorno con alcune conoscenze di base apprese durante l'infanzia. Durante la mia meditazione e contemplazione, ho capito che sono solo una piccola particella, parte di questo cosmo più grande. In quel tempo ho capito che Dio è il fattore che sta dietro l'intera esistenza, ma Egli è al di là dello spettro luminoso visibile percepito convenzionalmente dalle strutture ricettive della nostra retina, né può essere compreso con la nostra mente limitata. Dio è più vicino a noi nei nostri cuori, e permea attraverso tutti gli esseri viventi e la materia non vivente. All'improvviso ho avuto l'impulso di amare l'intero Cosmo come se amassi me stesso. Sono arrivato alla conclusione che l'Amore è la risposta a tutti i problemi sulla Terra. Se Dio aiuta, è solo attraverso l'Amore espresso da un altro essere vivente. Quando ho iniziato ad incontrare più persone che meditano, mi sono sorprendentemente reso conto che chiunque mediti con una sincera attitudine di ricerca, arriva naturalmente a queste mie stesse conclusioni.

Love is the energy that sustains the entire cosmos

L'amore è l'Energia che sostiene l'intero Cosmo.

 

        Questo accadde quando pregai per avere un Maestro, per avere una ulteriore guida, per cercare l'illuminazione, per la realizzazione di Dio, per essere in unione con Dio. La verità è che è stato il mio Guru a trovarmi. Dopo aver incontrato il mio Guru, Paramahamsa Vishwananda, sono arrivato a comprendere che anche il desiderio di unirsi a Dio poteva pericolosamente risvegliare il desiderio e l'attaccamento, creando più ego. Quindi la ragione più pura ed umile dietro la richiesta della 'Realizzazione di Dio', è genericamente chiedere solo di provare l'amorevole relazione con Dio, e di servirLo al meglio. Se qualcuno ama l'altro, è naturale che lo serviamo e ce ne occupiamo ancora meglio con il nostro miglior sforzo. Il vero significato alla base della relazione d'Amore con Dio, non è solo l'amare l'Onnipotente senza forma nella nostra meditazione, oppure la Murti o la Divinità nel tempio. Si tratta anche di amare Dio che esiste nel tutto incluso l'uomo, gli animali, le piante e persino gli oceani; nell'aria che respiriamo, nelle rocce, ghiaccio e montagne. Tuttavia tutto il processo inizia in primis con l'amare noi stessi come siamo, in quanto noi siamo la manifestazione di Dio che è più prossima e vicina a noi stessi, dentro di noi. Dobbiamo anche imparare ad amare il Dio presente nelle persone prossime e vicine, che ci circondano: i nostri familiari a casa, la nostra famiglia spirituale nei templi e luoghi di culto che frequentiamo, come ashram e circoli di Om Chantingcompresi i nostri colleghi in ufficio, di lavoro, e persino gli estranei in auto nel traffico.

        Il 'GRANT STUDY' che fa parte del progetto di studio sullo sviluppo degli adulti - Study of Adult Development - presso la Harvard Medical School, ha effettuato una sorprendente scoperta; in quanto, le nostre relazioni ed il grado in cui - quanto - noi siamo felici nelle nostre relazioni, sono responsabili della maggiore influenza diretta sulla nostra salute e sulla nostra stessa vita. Anche se togliamo la parola Dio dal nostro scopo, la nostra intera vita riguarda ancora e quasi completamente le relazioni; le relazioni d'amore con i nostri genitori, coniuge, figli, famiglia ed amici. Se abbiamo un rapporto amorevole con i nostri familiari e vicini, le nostre case ed il nostro quartiere saranno più nutriti e pieni di gioia. Se tutti i paesi del mondo hanno una relazione d'amore reciproca, non ci saranno più guerre. Quando tutta l'umanità viene istruita sull'importanza della relazione amorevole con Madre Terra e con la Natura, l'umanità troverà soluzioni alternative per l'energia fossile, l'uccisione e la macellazione degli animali per scopi alimentari e l'uso della plastica per invertire il riscaldamento globale ed il cambiamento climatico. La parola chiave quindi qui è - Relazioni Amorevoli - e tutti gli sforzi e gli aiuti ci verranno naturalmente incontro per sostenere i cambiamenti necessari all'intera umanità e società.

        Può sembrare molto semplice e riduttivo quando uno dice che lo scopo di vita più elevato sta nella relazione d'Amore con Dio e nel servirlo eternamente; tuttavia vi è così tanta profondità in questo significato. Tutto il resto sarà adempiuto relativamente a questa ricerca e perseguimento della relazione d'Amore con Dio, che è il Tutto, l'intero Cosmo ed oltre.


 

 


Blog »