Crisi: un momento opportuno per fare una svolta personale

Thumbnail

Oggi vorrei che sfidassimo il nostro modo di pensare, le nostre abitudini e azioni, i nostri limiti e le barriere che ci siamo posti. A meno che non ci sia un notevole disagio nel nostro normale ambiente quotidiano, la naturale tendenza della mente umana è di rimanere nello status quo. La consapevolezza dei cambiamenti che uno deve apportare alla propria vita, abitudini o atteggiamento, aumenta con la pratica quotidiana della meditazione e dello yoga. Durante una crisi si presentano esponenzialmente opportunità di trasformazione. Una svolta personale è qualcosa che cambia il corso della tua vita privata in futuro, e garantisce che le cose non saranno più le stesse per te. Per essere consapevoli di ciò che deve essere fatto all'interno della tua persona, la mente deve essere composta mentre ti immergi profondamente in te stesso, per accedere alla saggezza del cuore. La Simply Meditation di Bhakti Marga, è un semplice insieme di tecniche che ti permetteranno di spostarti dalla tua mente al tuo cuore, e di coltivare l'equilibrio interiore.

Vorrei condividere un breve esercizio di consapevolezza del respiro, prima di entrare nei dettagli. Questo esercizio può aiutarci ogni volta che proviamo ansia, nervosismo, paura ecc., e può aiutarci a tornare al nostro centro. Una delle basi della meditazione e dello yoga, è che la mente ed il respiro sono interconnessi. Cosa succede al nostro respiro quando siamo nel panico o abbiamo paura? E come è il nostro respiro quando siamo in pace? Quindi la maggior parte delle volte la nostra mente controlla il respiro; lo sapevi che possiamo invertirlo e controllare la mente con il respiro?

Prenditi un momento e siediti dritto; chiudi gli occhi e ascolta il respiro. Inspira lentamente ed espira lentamente tre volte. Mentre continui ad ascoltare il tuo respiro, inspira Amore ed espira Pace tre volte. Se la tua mente vaga, riportala al tuo respiro. Continua da solo per tutto il tempo che desideri.

Come ti senti? È così facile per calmare la mente, non è così? In tale stato è più facile fare nuove scoperte.

Una delle cose in cui la mente umana è molto brava è nel creare preoccupazioni. Siamo preoccupati per il futuro che non conosciamo, e per il passato che non possiamo cambiare. La causa sottostante è spesso la paura. Paura di un avvenimento immaginario o paura che non accada. Nel caso di COVID-19, c'è la paura della morte e dell'ignoto. La svolta arriva quando siamo in grado di affrontare le nostre paure e risolverle con discriminazione e ragionamento. È successo qualcosa a qualcuno di noi in questo preciso momento? No. Ora questo non significa che non prendiamo precauzioni. È sciocco. Non significa che non pianifichiamo per il futuro o restiamo semplicemente seduti in folle a non cercare soluzioni. Questo è essere pigro. Ciò significa che non dovremmo usare la nostra preziosa energia per preoccuparci, ma invece reindirizzare l'energia verso la positività e ottenere così soluzioni. Un dato di fatto è che in questo particolare momento, proprio ora, siamo tutti sani e salvi, indipendentemente da ciò che riserva il futuro. Non è vero? Non appena lo riconosciamo e lo accettiamo, saremo più facilmente in grado di vivere nel momento presente o nel qui ed ora. Inoltre, il massimo che possiamo fare in una determinata situazione, è di fare del nostro meglio.

Cosa si intende per vivere nell'adesso? Il più delle volte viviamo la vita come se vivessimo per sempre, dimenticando che la morte è la cosa più certa della nostra vita. Moriremo tutti un giorno. La morte (pari a COVID-19 per alcune persone), non distingue né discrimina. Indipendentemente dal background culturale, dalla posizione sociale, dalla religione, dal genere o dall'età di qualcuno, la morte verrà bussando un giorno. Vivere nell'ora è vivere ogni giorno come se fosse l'ultimo giorno della tua vita.

Come può ognuno di noi vivere ogni giorno come se fosse l'ultimo giorno della nostra vita? Prenditi un momento e pensarci adesso, mentre ascolti il tuo respiro.

Ecco alcune domande che ognuno di noi può porre a sè stesso e rispondere onestamente per una riflessione molto più approfondita, un'autoanalisi e, in definitiva, una svolta personale.

Come potremmo parlare e comportarci con le persone che ci circondano, in una situazione del genere? Come intratterremo le relazioni con chi ci circonda? Quanto spesso diciamo alle persone alle quali teniamo sinceramente e profondamente che le amiamo?

Quanti i soldi, nostri o di chiunque altro, possono contare in una situazione del genere? Saremmo costantemente alla ricerca di denaro e di dare denaro senza autorità per controllare le nostre vite? Dobbiamo guadagnarci da vivere ed essere in grado di garantire il nostro tenore di vita. Ma dove tracciamo la linea? Qual è la nostra relazione con il denaro?

Quanto saremo grati e riconoscenti della nostra vita in una situazione del genere? Come valuteremmo i nostri lussi, la nostra salute, le nostre libertà, le nostre famiglie, i nostri amici e così via? Siamo abbastanza grati per quello che abbiamo?

Una delle prime cose che possiamo fare durante una crisi è pregare, giusto? E come preghiamo in questo periodo? Con maggiore sincerità ed intensità dal cuore. Cosa ci dice questo sulla qualità delle nostre preghiere durante i periodi "normali"? Preghiamo solo una volta alla settimana o quando abbiamo bisogno di aiuto o di favore, oppure ricordiamo il Divino in tutto ciò che facciamo? Se siamo in grado di pregare intensamente come facciamo ora in ogni momento, e di connetterci più in profondità con il nostro Creatore, allora agiremo come se il Divino fosse sempre presente con noi, osservando ed ascoltando. Come potremmo quindi cambiare il modo in cui facciamo le cose ogni giorno?

Cosa ci impedisce di vivere ogni giorno nel presente e di implementare le cose che abbiamo messo in discussione, di come facciamo attualmente le cose, i mezzi che possiamo trovare, o un modo diverso e migliore di vivere? È solo noi stessi!

COVID-19 o qualsiasi altra crisi, col passare del tempo sicuramente passerà, poiché tutte le situazioni sono temporanee. Ci saranno alcuni che guadagneranno ed altri che perderanno nel processo. Se sei in grado di analizzare onestamente le domande, vedrai che questa situazione ci ha reso consapevoli delle molte scelte che abbiamo. Il modo in cui sfruttiamo questa o qualsiasi altra situazione, o come sfruttiamo in modo ottimale il tempo che ci è stato donato, dipende interamente da noi. Possiamo trascorrere questo tempo facendo delle attività banali, oppure possiamo investire il nostro tempo lavorando saggiamente su noi stessi.

Non è facile ma non è nanche difficile. Richiede solo coerenza e disciplina. La nostra mente dimentica facilmente e deve essere continuamente ricordata. Anch'io stesso spesso vengo coinvolto nella mia routine quotidiana, e devo ricordare regolarmente il mio obiettivo e la mia direzione. Le sfide saranno sempre lì. La differenza sarà nella disposizione in cui ti trovi mentre le affronti. Se siamo in grado di prendere l'abitudine GIORNALIERA di almeno 10-15 minuti di meditazione, di autoanalisi, e quindi di agire direttamente su ciò di cui abbiamo bisogno per cambiare o trasformare noi stessi, avremo il potere di fare una svolta personale ogni singolo giorno; non solo durante una crisi.

 


Blog »