Cos'è il Kriya Yoga?

Thumbnail

Cos'è il Kriya Yoga?

     ‘Kri’ significa azione, e ‘ya’ significa consapevolezza. Quindi insieme, Kriya significa: azione in/con consapevolezza.

     Ma cos'è la consapevolezza? A cosa fa riferimento? La vera consapevolezza è essere consapevoli e coscienti di chi siamo veramente; del nostro scopo di vita, della nostra vera identità. Qui l'identità che intendiamo è quella dell'anima, della sua intrinseca relazione con il Divino, il suo stato di beatitudine e di Amore incondizionato.

     Il Kriya Yoga è generalmente apprezzato come un sistema di tecniche che portano a sperimentare e praticare il superamento della realtà materiale: la nostra identificazione con la mente, con il corpo fisico e le interazioni dei sensi. Riguarda la pratica dello sperimentare, in prima persona, l'opportunità di poter essere assorbiti nella personale realtà spirituale e nell'identificazione del Sé; per poter successivamente realizzare il nostro Sé Divino, la nostra Anima. Il Kriya Yoga riguarda la possibilità di avere tutti i nostri pensieri, tutte le nostre azioni e tutte le nostre parole allineate, focalizzate e cooerenti con quella realtà e consapevolezza dell'anima.

     Mahavatar Babaji, l'iconico e misterioso yogi immortale, fondatore e padre del Kriya Yoga, è responsabile di guidare silenziosamente la coscienza dell'intera umanità. Nel corso del tempo, Babaji ha contribuito direttamente al vasto sistema evolutivo di questo mondo, per elevarlo e sostenerlo. Egli obbiettivamente conosce e spiega lo stato attuale dell'umanità, il suo grado evolutivo e di coscienza, e l'epoca in cui gli esseri umani vivono. Con questo proposito bene in mente, Mahavatar Babaji tramanda da lungo tempo le tecniche del Kriya a diversi maestri, in luoghi e tempi diversi, per indirizzare e guidare la mente dell'uomo. Sebbene Egli non sia comunemente noto al largo pubblico, vari maestri del Kriya Yoga passati e presenti assieme al reverendo Babaji, tramandano ad oggi tecniche differenti, sempre attualizzate ed aggiornate, adeguate a persone, tempi e luoghi diversi, poichè essi richiedono un approccio ed un sostegno di tipo diverso.

     L'Atma Kriya Yoga è solamente una particolare selezione delle molteplici e svariate tecniche del Kriya Yoga, aggiornata/e all'epoca attuale. Mahavatar Babaji e Paramahamsa Vishwananda hanno scelto di offrire e di mettere a disposizione questa particolare e raffinata selezione di tecniche spirituali all'umanità del giorno d'oggi, per la loro semplicità, per il loro potere, efficacia ed importanza nel percorso spirituale, al fine di sviluppare e nutrire la nostra intima relazione con il Divino e, infine, per poterLo raggiungere.

     Il Kriya Yoga è particolarmente speciale perché le pratiche funzionano in quanto corroborate dalla scienza delle antiche, preziose e sacre tecniche yogiche. Esse sono state progettate tramite le leggi spirituali e fisiche fondamentali. Inoltre, affrontano le leggi universali della creazione, della vibrazione, dei cinque elementi, dei chakra, dei kosha/dosha, e la moltitudine di energie e leggi alla base della Creazione. Le tecniche tengono conto della profondità della legge del karma, comprese l'intenzione, l'azione, il pensiero e molto altro ancora.

     C'è una profonda scienza spirituale che riguarda lo Yoga, anche se è lentamente ricercata ed ancor poco compresa dalla scienza moderna. Le tecniche del Kriya Yoga sono state sviluppate per applicare queste diverse scienze proprio come accade in qualsiasi altro campo scientifico. I Maestri di queste leggi e sistemi, sono pienamente consapevoli delle scienze dello Yoga. Essi periodicamente costituiscono e mettono appunto pratiche per aiutare l'umanità nel suo percorso evolutivo e spirituale, in quanto essi sono completamente dedicati ed al servizio del progresso spirituale dell'umanità. Il percorso spirituale è così complesso e ricco di sfumature, ma i Maestri, per fortuna, hanno sviluppato tecniche per aiutarci a navigare lungo il nostro percorso.

     Generalmente, possiamo dire che il Kriya Yoga è teologicamente e filosoficamente neutrale, e si limita a rivolgere le leggi spirituali e materiali nello sforzo per aiutare il progresso spirituale del genere umano. Babaji lo ha trasmesso a vari Maestri nel corso delle epoche, che adottano, implementano e infondono le proprie filosofie e teologie specifiche alle tecniche. In questo modo, Babaji ed i Maestri del Kriya Yoga, possono servire una popolazione mondiale più grande, più vasta, poiché considerano percorsi, personalità e disposizioni culturali, religiose e spirituali diversi/e.

     Questo è ciò che rende così speciali le diverse pratiche spirituali di Bhakti Marga. Si tratta di 'Solo Amore'. La missione di Paramahamsa Vishwananda è di aprire i cuori dell'umanità, ed Egli usa il Kriya per sostenere questo proposito e missione. Il Kriya Yoga, in sostanza, è anche 'devozione amorevole', ovvero Bhakti, perché governare e dominare qualsiasi azione con piena consapevolezza, implica che ciò sia fatto per Amore ed esclusivamente per il senso/significato stesso dell'Amore. Sebbene non sia visto tradizionalmente come appartenente al sentiero e lignaggio del Bhakti Yoga, il Kriya Yoga, fondamentalmente, è Bhakti, devozione, ed è Yoga nel suo significato più nobile: unione con il Divino.

     Mentre ti immergi profondamente nel cuore, nell'anima, ed ancora più in profondtà attraverso le pratiche del Kriya, trovi e sperimenti il Divino dentro e fuori di te. Quindi, anche se l'Atma Kriya Yoga riguarda elettivamente la realizzazione del tuo Sé Divino, esso porta inevitabilmente anche all'apprendimento dello scopo del tuo Sé Divino ed alla sua relazione con il Divino: alla Realizzazione di Dio in questa ricerca, proposito e relazione d'Amore.

 


Blog »